GRUPPI ELETTROGENI Power House da 20 sino a 1900 kWe

Power House, con sede in Svezia,  rappresentata da SATECO in Italia, Monaco e tutto il Mediterraneo,  è il partner per le soluzioni marine come motori ausiliari, gruppi elettrogeni, pezzi di ricambio etc..

II gruppi elettrogeni Power House sono motorizzati VOLVO PENTA,  Baudouin e MITSUBISHI
Tramite la nostra rete di concessionari e dei nostri fornitori forniamo servizi di supporto, commissioning e garanzia in tutto il mondo

SOLUZIONI in CONTAINER e SOUND BOX enclosures

Siamo specializzati in PROPULSIONI DIESEL ELETTRICHE e IBRIDE

scarica il materiale disponibile on line o contattaci per approfondimenti

dal 1993 abbiamo fornito gruppi elettrogeni marini a tutti i cantieri navali Italiani fra cui FINCANTIERI, De Poli, CN di Pesaro, Coop. Ing. Tommasi, CN M.Morini, INMA e CN San Marco, Codecasa, Mondomarine, SEC Viareggio, T. MARIOTTI, Rosetti Marino, CN Chioggia, CARTUBI e svariate vendite ad armatori con costruzioni all'estero, perchè possiamo vendere e seguire la vendita in qualsiasi parte del mondo in quanto siamo fornitori DIRETTI di Gruppi elettrogeni e Motori di Propulsione originali ossia assemblati dalla Casa Madre

offriamo RICAMBI nuovi e in BASE SCAMBIO

ricambi DANFOSS

Scegliere un gruppo elettrogeno

Conoscere il tipo di carico che dobbiamo alimentare è fondamentale per determinare correttamente la potenza nominale di un gruppo elettrogeno.
La potenza che gestisce un gruppo elettrogeno non è un valore assoluto e statico. Il suo livello tende a fluttuare in base a determinati fattori e processi, e lo fa in modo diverso in ogni tipo di unità.
Per questo motivo calcolare la potenza necessaria a cui un gruppo elettrogeno deve funzionare non è un'operazione semplice. Occorre prendere in considerazione diverse variabili che, se non considerate, possono causare seri problemi alla nostra installazione.
Ad esempio, un sovraccarico in una qualsiasi delle fasi può causare surriscaldamento e squilibri di tensione. Ciò può causare danni sia al gruppo elettrogeno che alle apparecchiature ad esso collegate.

Avviamento: la prima fase di carico

Il gruppo elettrogeno sarà limitato durante il suo avviamento da quello che viene chiamato primo gradino, ovvero: il carico transitorio totale che il gruppo elettrogeno è inizialmente in grado di sopportare fino a raggiungere il suo regime stabile con alcune variazioni transitorie di tensione e frequenza.
Per questo è importante verificare le caratteristiche nelle targhette delle apparecchiature collegate al gruppo elettrogeno, ed essere consapevoli dei possibili effetti transitori che possono subire durante i suoi processi di avviamento.
Alcune apparecchiature come pompe o motori con azionamenti variabili, ad esempio, possono aumentare temporaneamente la loro corrente durante la messa in servizio.
Allo stesso modo, elementi come gli UPS (gruppi di continuità) possono causare distorsioni armoniche che devono essere contemplate nei nostri calcoli.

Quali parametri influenzano il dimensionamento dei carichi?

1) Il primo parametro da considerare è il tipo di carico. Alcune unità subiscono, difatti, aumenti transitori della corrente durante l'avvio. Con questo in mente, presteremo particolare attenzione ai seguenti carichi:
Gruppi di continuità (UPS). La potenza nominale dell'alternatore è sovradimensionata a seconda dell'installazione.
Grandi carichi motori. Possono aumentare la potenza di avviamento fino a 6 volte la potenza, a seconda del tipo di avviamento.
Carichi di illuminazione (con particolare attenzione all'illuminazione a vapori di sodio e agli alogenuri metallici).
Sistemi con azionamenti a frequenza variabile (VFD). Questi possono causare un sovradimensionamento dal 40 al 100%.
Altri carichi particolarmente sensibili ai transitori e alle variazioni di tensione e frequenza.

2) Un altro fattore da tenere presente è il tipo di avviamento del motore in questione. Ciò è dovuto al fatto che ogni tipo di avviatore richiede una specifica corrente di avviamento, che deve essere superiore alla corrente nominale dell'unità. Troviamo quindi che:
Motori elettrici con avviamento stella-triangolo: la sua “corrente di spunto” sarà pari a tre volte la corrente nominale o di esercizio.
Motori ad avviamento diretto: richiedono 6 volte la corrente nominale.
Motorini di avviamento con variatori di frequenza: particolare attenzione va prestata alla sua scheda tecnica in quanto normalmente è configurabile la rampa e l'incremento di velocità.

Altri aspetti importanti da considerare

Per finire di eseguire l'intero calcolo della potenza con la massima precisione, è necessario tenere presente altre variabili come:

  • Fattore di potenza durante l'avviamento
  • Potenza di avviamento.
  • Fattore di potenza nominale.
  • Potenza nominale
  • Efficienza
  • Numero di avviamenti

In definitiva, dobbiamo essere estremamente rigorosi in questo calcolo. Per evitare sorprese, è fondamentale conoscere il tipo di carico con cui abbiamo a che fare e il suo comportamento. Il tutto, con l'obiettivo che il gruppo elettrogeno alimenti sempre un carico bilanciato, senza generare picchi imprevisti.

ALTERNATORI STAMFORD in PRONTA CONSEGNA

Abbiamo Alternatori STAMFORD in pronta consegna e / o pronte per essere completate in base alla specifica richiesta

Gruppi elettrogeni marini in CONTAINER e Sound proof box

STOCK e USATO

Mitsubishi S6R2-T2 MPTK

640kW/1500rpm certificato B.V.

Volvo Penta D8 MG

Keel Cooled, 220 kWe, IMO III
Preparato per certificazione

Baudouin PowerKit 4M10G4D0/S

Dual speed 1500/1800rpm
St.by 55/69kVA

Baudouin PowerKit 4M06G50/5

1500rpm, St.by 50kVA

Volvo Penta D7 AT

108 kWe, 50 Hz, raffreddamento a chiglia
certificato DNV
400V

Power House PHD16

Gruppo elettrogeno completo
IMO III, certificato

Mitsubishi S6R MPTAW

1800 giri/min

Regolazione della velocità. Potenza senza fluttuazioni

Ciò che chiediamo a un generatore è un'erogazione di potenza stabile. E un regime motore costante è fondamentale per raggiungere questo obiettivo.
Il famoso architetto svizzero Le Corbusier ha affermato che le macchine sono “un fantastico strumento di perfezione”. Tuttavia, l'esperienza ci dice che anche i macchinari più sofisticati non sono perfetti. Sebbene i sistemi meccanici siano progettati per essere equilibrati e fornire prestazioni basate su parametri ottimali, è necessario tenere conto del fatto che esistono sempre alcuni fattori che possono alterarne l'efficienza.
La velocità di un motore, ad esempio, può essere influenzata da un calo di tensione o da sbalzi di tensione. E, nel caso dei generatori, tali variazioni sono di fondamentale importanza, dato che la velocità del motore ne determina direttamente la frequenza di funzionamento.
Logicamente questo può comportare un problema, perché la cosa che ci interessa di un generatore è che sia in grado di mantenere la potenza più stabile possibile attorno ad un certo valore.

Le buone notizie? Tutto è previsto e la tecnologia ci fornisce le soluzioni perché i motori non perdano mai la direzione.

Regolare una risposta solida
Attualmente i motori che alimentano i generatori elettrici contengono un regolatore di velocità.
La funzione di questo regolatore è quella di rilevare eventuali squilibri del regime del motore e di riportarlo rapidamente al suo regime di lavoro ottimale.
Grazie a questo dispositivo il motore del nostro generatore manterrà sempre un ritmo costante. In questo modo il generatore sarà in grado di soddisfare sempre le esigenze del carico, fornendoci la potenza che dobbiamo ottenere.
Inoltre, il regolatore di velocità funge da dispositivo di sicurezza, perché protegge il motore da regimi eccessivi che possono causare guasti al motore.

Ti offriamo generatori diesel dotati di tre diversi tipi di motori governati:

Motori con regolatori meccanici
Motori con regolatori meccanici e imput elettronici integrati
Motori con regolatori elettronici
Tutti questi sono progettati per recuperare la frequenza di lavoro, sia dopo un urto del carico che dopo un improvviso abbassamento dello stesso.

La risposta al calo di frequenza dipenderà da:
L'inerzia del motore stesso.
L'inerzia dell'alternatore.
Le caratteristiche consentite dall'AVR (Automatic Voltage Regulator) installato.
Allo stesso tempo, nei motori con regolazione meccanica della velocità, applichiamo un parametro chiamato “speed drop” o “droop”. Questo parametro rappresenta la percentuale di sovravelocità che il motore sta vivendo quando funziona a vuoto, rispetto alla velocità nominale (a pieno carico). Una volta calcolato questo, possiamo configurare il motore in modo che si stabilizzi rapidamente quando gli viene applicato un carico.

Tutti i regolatori hanno bisogno di un certo periodo di tempo per agire.  Con base regolare occorrerà eseguire tutte le regolazioni e i test necessari per garantire che i regolatori controllino correttamente la velocità del motore e la frequenza del generatore. 

Referenze SATECO gruppi elettrogeni ad ARMATORI Italiani:

Rimorchiatori Panfido

PB Tanker

Rimorchiatori Laziali

Rimorchiatori Napoletani

Rimorchiatori Riuniti Genova

Synergas

Visentini

Dalesio

Grimaldi Napoli

LGR di Navigazione

Marnavi

Mediterranea Navigazione

Navigazione Laghi

NOVELLA - CIANE

Amoretti

Augusta Offshore

Augustea Imprese Marittime

Baretta

Calì

d'Amato

Saipem